Facebook
Stampa

U.6 domenica 17 aprile

Postato in News U6

Parma 17 aprile 2016

Secondo torneo nazionale per l'Under 6 che dopo la prova di Reggio Emilia si presenta compatta al 28° Memorial Amatori Parma.

La cornice che fa da sfondo al Torneo è eccezionale, un'intera cittadella dedicata al rugby, migliaia di bambini festanti e pronti a darsi battaglia nel rispetto reciproco. 
Il girone dei Tajuskala è a due facce, squadre abbordabili e altre decisamente toste. 
I ragazzi dimostrano subito un buon piglio e nonostante il clima freddo iniziano a giocare forte con un vittoria per 10-2 sull'Experince School 2 de L'Aquila. Anche con il Gispi Prato i Tajuskala di Paolo Murino portano a casa un vittoria per 5-2. Dal punto di vista tecnico si vede un miglioramento costante ad ogni torneo, la fase di placcaggio viene sempre tentata e ogni tanto si vedono anche dei bei passaggi. E' solo la disciplina il punto dolente....ma non si può pretendere troppo dai piccoli sebbene anche questo aspetto poco alla volta migliora. 
Le successive tre partite sono belle toste ma i ragazzi giocano con il cuore e portano a casa due pareggi con Amatori Parma Blu (3-3) e Capitolina (2-2); entrambe partite dure e combattute centimetro su centimetro. 
L'ultima partita vede gli Under 6 affrontare i parigrado dell'Amatori Napoli, qua i nostri perdono di misura per 4-3 ma è sempre una lotta meta a meta fino alla fine. 
Complessivamente un torneo che porta tanta esperienza per i bambini e che fa ben sperare per il futuro. 
Ed infine....tutti a vedere la finale degli Under 14 nello stadio delle Zebre, pronti per la successiva premiazione. 
 
Forza Tajuskala !!!!
Stampa

U.6 domenica 10 aprile

Postato in News U6

Lainate 10 aprile 2016

Road to Parma per i Tajuskala

Un torneo di avvicinamento all’importante nazionale del 17 aprile per i Tajuskala di Paolo Murino.
A Lainate i bimbi si presentano quasi al completo e complice la breve distanza da casa sono subito pronti e reattivi
per una giornata di sport e sole.
I sorteggi vedono i Tajuskala in un girone facile e le tre partite, da 10 minuti l’una, si concludono con tre belle vittorie
di ampio margine.
Paolo caccia i soliti urlacci da bordo campo ma tutto sommato si vede che la sua mano inizia a plasmare una squadra
e tutti i bambini si applicano e si aiutano come una vera squadra.
Si arriva così alla finale contro il Fiumicello Rugby di Brescia. La partita si incanala subito su binari giusti ma complice la stanchezza
per le tante partite e qualche distrazione i bambini subiscono una rimonta fortunatamente poi rintuzzata. Vittoria finale della
partita per 6-3 e vittoria anche nel torneo.

Questi gli altri punteggi del girone:

Amatori - Lainate2  9 - 2
Rugbio2 - Amatori 2 - 10
Amatori - Pavia2 12 - 0

Ed ora….altri due allenamenti nelle gambe prima di immergersi nel torneo nazionale di Parma

Mauro

Stampa

U.6 domenica 20 marzo 2016

Postato in News U6

Reggio Emilia 20 marzo 2016
 
Sveglia all'alba per il torneo nazionale Città del Tricolore a Reggio Emilia. La vigilia di primavera ci regala una splendida giornata di sole.
All'arrivo la sorpresa di un girone di ferro con Gipsi Prato e Rugby Parma 1.
Prima partita contro il Gipsi Prato e i Tajuskala non soffrono della sveglia anticipata, scendono in campo agguerriti e portano a casa una vittoria per 9 a 2 con belle mete e buoni placcaggi.
La seconda partita ci vede opposti ad una delle formazioni più forti e organizzate del Torneo: il Rugby Parma 1. È una partita durissima e per intensità di gioco non sembra di guardare bimbi Under 6. Una battaglia su ogni pallone, nessuna meta "prendi la palla e segna". L'organizzazione di gioco del Parma ha la meglio ma i nostri gli fanno sudare pesantemente ogni meta. Finisce con un 4 a 0 e se l'attacco deve migliorare gli automatismi, la difesa fa vedere i sorci verdi agli avversari con placcaggi forti e mischie bellissime.
 
Chiudendo il girone secondi,  i nostri piccoli accedono alle partite per il quinto e sesto posto.
Si inizia contro l'Asti. Nonostante la pausa, gli Under 6 giocano bene, il risultato mai in discussione. Qui si iniziano a vedere delle belle azioni in attacco con alcuni passaggi di palla tra i bimbi.
Arriva la finale per il quinto posto contro Modena e sulla scia della partita precedente i Tajuskala giocano con determinazione e vincono anche questa partita. Passaggi, difesa, mete....insomma tutto quello che è il rugby.
Chiudiamo con 3 vittorie e 1 sconfitta: proprio strano lo sport, i Tajuskala perdono la partita che hanno giocato meglio e non possiamo che fare i complimenti al Rugby Parma per la bella partita con noi e per la vittoria in questo torneo.
 
E ora tutti a ricaricare le batterie in vista del prossimo torneo del 10 aprile....
 
Amatori - Gipsi Prato 9-2
Amatori - Rugby Parma 0 - 4
 
Asti - Amatori 2-5 (semifinale 5/6 posto)
Amatori - Modena Rugby 7-2
 
Mauro
Stampa

U.6 sabato 12 marzo

Postato in News U6

RITORNANO I TAJUSKALA.... (N.d.R. formica nella lingua dei nativi americani LAKOTA)

Una soleggiata e calda giornata primaverile fa da sfondo al 4° Trofeo Madunina organizzato al Saini dai Dragoni del Rugby Parco Sempione.
Dopo la prova di domenica scorsa nel trofeo casalingo concluso al secondo posto, i nostri Under 6 si presentano agguerriti e con la giusta voglia di
riscatto. Il girone iniziale non sembra particolarmente ostico e i Tajuskala chiudono al primo posto battendo le due compagini dei Dragoni, la squadra 5 con il
punteggio di 9 a 1 e la prima squadra con il punteggio di 4 a 1. Si vedono dei buoni placcaggi e qualche passaggio ben eseguito.
La semifinale è, per i nostri ragazzi, quasi una finale contro l’ostica ASR Milano.  Partita dura come solo le partite di rugby possono esserlo, tirata fin dalle prime battute con azioni molto combattute. Grande prova dei Tajuskala che sotto di 2 a 1, trovano nei minuti finali la forza di ribaltare il risultato e volare in finale con il punteggio di 3 a 2.                               Spicca la buona concentrazione difensiva e qualche metà in velocità.

Mantenere la concentrazione non è facile, ma l’adrenalina della finale e l’ottimo lavoro del duo Paolo/Andrea fanno miracoli e i bambini si presentano in gran spolvero alla finale con il Cus Milano Rugby.                                                                 La partita si mette sui binari giusti fin dalle prime battute e si conclude con un 4 a 1.

Per i Tajuskala arriva il momento di festeggiare con una coppa e un terzo tempo con merenda.
La miglior nota di questa giornata forse è la dimostrata forza del gruppo, che comincia a trovare una propria organizzazione di squadra, seguendo l’azione e facendosi trovare pronti sia a placcare sia a dare sostegno.

I Tajuskala iniziano a muoversi compatti......

 

Mauro

Stampa

U.6 istruzioni per l'uso

Postato in News U6

Il Rugby in Under 6.    

Iniziare il gioco del rugby nella fascia d’età prescolare è già un’avventura, per i bambini , per i genitori e anche per gli allenatori.

Si dice che il rugby non sia uno sport come gli altri, perché implica una buona dose di coraggio fisico e determinazione, qualità che sembrano poco in sintonia con le caratteristiche dei bambini ancora piccoli. Eppure, vedendo quello che normalmente si svolge nei tornei del minirugby, troviamo bambini che si divertono, lottano con grinta e spesso fanno vedere un bel gioco di squadra, anche se non hanno ancora compiuto sei  anni… Ma, prima di giungere a risultati come il gesto atletico eclatante o il gioco corale, dal momento che i bambini si presentano sul campo per la prima volta dovrà passare qualche mese in cui impareranno  a migliorare la corsa, a prendere in considerazione un oggetto astruso come una palla ovale e soprattutto a sentirsi parte di una squadra. Per un bambino di quattro o cinque anni non è così semplice, ma noi siamo “esperti”, nel senso che crediamo di saper coinvolgere il bambino, stimolandolo verso una crescita fisica e psicologica, in una modalità che lo diverta e che lo appassioni.

Come facciamo? Con storie e favole che possono formare il piccolo giocatore quanto l’attività motoria, adoperando la narrazione per trasmettere concetti che sarebbero altrimenti improponibili; ed ecco che gnù, elefanti, branchi di lupi, guerrieri indiani o maori vengono reclutati per spiegare concetti difficili come , l’avanzamento, il  far fronte comune, l’aiuto reciproco, il tener testa all’avversario, ecc...

E i bambini apprendono, si sentono fieri di quello che hanno imparato e capiscono che stanno diventando “giocatori”…    Chi allena lavora poi sulla motricità, l’equilibrio e la corsa, gioca con loro per far capire come spingere, placcare, passare la palla; tutto in modo graduale, puntando soprattutto sulla capacità del bambino di imitare e spingendo solo quando l’abilità del giocatore ha raggiunto un livello per cui è possibile alzare il grado di difficoltà dell’esercizio. Ma soprattutto è il gioco che fa da traino all’insegnamento. In uno sport come questo, è infatti la partita tanto voluta che giustifica lo sforzo dell’esercizio e dell’allenamento in generale, nonostante tutto venga proposto sotto la forma più ludica possibile. Col passare dei mesi sarà il torneo, la coppa , il terzo tempo, i complimenti ricevuti dai genitori e le motivazioni date dall’allenatore a fungere da incoraggiamento e pungolo verso l’impegno necessario alla pratica sportiva.   Il nostro scopo, anche questo compito di squadra,  di allenatori, accompagnatori e genitori sarà quello di far crescere questi bambini con una sana mentalità sportiva, facendo attenzione a tutte le componenti che possono aiutare alla sua costruzione: la serietà e la puntualità negli allenamenti, il controllo di ciò che si mangia e si beve, il comportamento in campo e fuori, il rispetto nei confronti degli avversari, così come il porre l’attenzione anche allo stesso linguaggio utilizzato.

Paolo

Buon anno sportivo a tutti !

 

 

 

 

 Sponsor e amici di Amatori Rugby Milano Junior